21 Maggio 2015 incontro per gli edifici scolastici

Oggetto: Incontro tema strutture scolastiche

In data 21/05/2015 si è tenuto primo incontro dalle elezioni tra membri della giunta comunale e membri del comitato genitori.

Presenti per il Comune:

  • Lorenzo Gaiani (Sindaco)
  • Lidia Arduino (Vicesindaco)
  • Marco Banderali (Assessore con delega lavori pubblici e manutenzioni)
  • Loretta Recrosio (Assessore con delega pubblica istruzione)
  • Caterina Lamanna (Consigliere)

Presenti per il Comitato Genitori:

  • Sabrina Scandelli (Referente Commissione Strutture)
  • Andrea Cardamone (Commissione Strutture)
  • Vania Righi (Segretaria)

 

L’incontro è stato richiesto dal Comitato Genitori per comprendere alcune tematiche:

Situazione Edifici scolastici

L’assessore Banderali spiega chesono stati programmati dalla Giunta interventi sulle strutture per un valore di 1 mionione di euro, su base pluriennale. Nello specifico spiega che gli interventi sono programmati in tre anni di lavoro e che per ciascun anno è prevista una spesa media di trecentomila euro.

Al momento è in corso di stesura la pianificazione degli interventi. Il Dirigente Arch. Ghezzi coinvolgerà nelle prossime settimane i Dirigenti scolastici per determinare le priorità e formalizzare le richieste.

Non sarà tuttavia possibile vedere l’avvio delle opere nel corso della prossima estate. Una volta individuate le esigenze sono necessari almeno sei mesi per individuare il fornitore e assegnare il lavoro.

Banderali inoltre informa i presenti che potrebbe essere possibilie aderire ad una convenzione di riqualificazione energetica degli edifici. Questo tipo di interventi sarebbero da sommare a quelli pianificabili con il capitolo di spesa appena descritto. Il problema è che questa convenzione non è ancora stata pubblicata e non se ne conoscerà il raggio di azione fino a fine giugno.

Il vicesindaco Arduino ricorda che è previsto un ulteriore lotto di trecentomila euro (sempre su tre anni) per la riqualificazione delle aree esterne e dei giardini scolastici.

Tra i desiderata di Banderali, dovendo prima confrontarsi con i Dirigenti scolastici, risulterebbero:

  • La sistemazione degli spazi sportivi (in linea trasversale su tutte le scuole, ma con particolare riferimento a E.Fermi, di cui è urgente la sistemazione sia della palestra che del cortile esterno)
  • La sistemazioni delle pavimentazioni ammalorate
  • La sistemazione degli impianti

Quest’ultimo punto garantirebbe un futuro risparmio sulle spese di piccola/media manutenzione che gli impianti, ormai datati, richiedono di continuo.

Per quanto riguarda la situazione attuale, rispetto ai lavori svolti nell’anno:

  • Scuola Marconi: è stato completato l’intervento di adeguamento anti-sismico sulla struttura della palestra Donizzetti
  • Scuola Buffoli: è stato completato l’intervento di adeguamento sicurezza anti-incendio (con installazione ascensore esterno). Sono finalmente stati portati via i rifuiti del cantiere rimasti per alcuni mesi affianco agli ingressi; entro luglio una ruspetta rimuoverà anche le macerie depositate e sarà possibile ripristinare lo spazio giardino
  • Scuola Zanelli: tolte le foglie, i problemi di umidità e di infiltrazioni si sono risolti
  • Scuola Fermi: il cornicione pericolante è ancora un cruccio dell’Assessore

Sabrina Scandelli evidenzia come la situazione della scuola Bigatti sia ancora oggi molto critica.

L’assessore Banderali ribatte che la scuola è stata oggetto di verifica antisismica e dal punto di vista strutturale è adeguata ai requisiti richiesti dalla legge. Le criticità si riferiscono a elementi non strutturali dell’edificio.

Proprio agganciandosi a questo tema, Scandelli evidenzia come il continuo detererioramento e la mancata manutenzione di elementi non strutturali porta a un lento sgretolarsi degli edifici (in particolare Bigatti, ma la situazione è vera in generale). Il problema di fondo delle strutture sembra infatti collegato in parte all’età degli edifici (manutenzione straordinaria), ma in gran parte alla mancata manutenzione ordinaria degli stessi. Anche e soprattutto negli interventi più banali (dalla pulizia delle gronde, alla rimessa in efficienza dei bagni, dalla rimozione dei residui di cantiere, fino ad arrivare alla sostituzione di una presa elettrica, di una porta scardinata) si ha la percezionedi un dilatarsi eccessivo dei tempi di risoluzione. Questo come può essere risolto?

La risposta è che gli interventi fuori “programmazione pluriennale” possono e potranno essere eseguiti a seconda della disponibilità in bilancio. Tuttavia è necessaria una piena collaborazione tra la parte scuola e la parte amministrazione comunale perchè le strutture possano essere pienamente efficienti.

Viene ancora portato dai genitori un esempio recente: nella scuola di via Roma sono stati rinvenuti escrementi di ratto. Il dirigente ha segnalato la cosa e l’ufficio ecologia ha proceduto con l’immediata derattizzazione delle zone a rischio. Tuttavia questo è un esempio concreto: vista la dislocazione della scuola, con aule a terra ed ampio giardino esterno, è sempre e solo necessario intervenire in emergenza? Che tipo di interventi di derattizzazione sono previsti? Come è organizzata la pulizia degli spazi scolastici? I confini delle responsabilità si perdono nei meandri delle carte burocratiche e perfino in riunione non è più chiaro chi debba fare che cosa. La collaborazione rimane una bella utopia scritta sulla carta.

POFT

L’assessore Recrosio spiega che martedì 26/5/15 è previsto un incontro con i referenti dei due istituti comprensivi per discutere il POFT del prossimo anno scolastico.

L’assessore tiene tuttavia ad evidenziare come è accaduto che il Comune si sia fatto promotore di iniziative sul piano formativo che poi non hanno trovato effettiva accoglienza nella scuola. Viene portato l’esempio di quanto organizzatio in occasione della “giornata della memoria” (visita binario 31), a cui di fatto hanno aderito solo i ragazzi della scuola privata Maria Ausiliatrice, un ragazzo della media Marconi e quattro ragazzi dell’IPSIA.

Per questo motivo ha in mente la realizzazione un piano “snello” il cui obiettivo e quello di arrivare alle specifiche esigenze della scuola. L’incontro di martedì metterà a fuoco proprio questo tema.

Anche il Comitato Genitori ha alcuni progetti da proporre, a cui il referente della commissione cultura sta lavornado da diversi mesi. L’assessore si rende disponibile ad un ascolto delle proposte ed a mettersi in contatto direttamente con il nostro referente.

Per quanto riguarda le ore degli educatori nelle scuole, l’assessore spiega quanto segue:

  • I casi di disabilità certificata vengono sempre accolti
  • I casi segnalati dalle scuole e per i quali viene richiesto un aiuto ad intervenire al Comune, vengono soddisfatti in funzione del budget annuale disponibile

Il ruolo dell’educatore comunale non è di sostegno alla disabilità del bambino (per il quale è previsto l’insegnante di sostegno) ma di sostegno e agevolazione ad un sereno inserimento nel tessuto sociale (la classe).

MENSA

Il Comitato Genitori segnala come nel corso dell’ultima riunione plenaria (febbraio) siano emerse delle lamentele nei confronti del cambio di appalto. L’assessore Recrosio evidenzia che nell’ultima riunione avuta con la commissione mensa questi disagi sembrerebbero superati ed anzi, si prospetta un gradimento crescente rispetto alle proposte fatte dalla nuova ditta. Sono state ripristinate le feste alimentari; le feste della frutta si svolgeranno proprio nelle ultime settimane di scuola

PROSSIMI INCONTRI

Viene organizzato un incontro in dta 25/6/15 ore 17.30 per verificar, parere dei dirigenti scolastici alla mano, il punto della situazione rispetto alla programmazione degli interventi sugli edifici scolastici.

scarica il file –> 2015_incontro_strutture-comune